Chi di noi, arrivati sul finire dell’anno appena trascorso, non ha mai sentito il bisogno di formulare un desiderio, un’intenzione, un’aspirazione a modificare o addirittura sostituire una situazione che ormai ci sta “stretta”? Gli esempi sono infiniti: si va in generale dalla voglia di cambiare vita, lavoro, compagno/a, a quella di buttare giù qualche chilo di troppo, trasferirsi in una casa più accogliente,  ritagliarsi spazi maggiori per prendersi cura di noi stesse e delle persone che amiamo, migliorare insomma dal punto di vista personale, professionale e spirituale. Ognuno di noi possiede dentro di sé questa spinta che ci guida al rinnovamento di uno stato che non ci appartiene più.

obiettivi-2014-donnacreativa.net

Molto spesso però, questi desideri rimangono solo… tali! Non si ha la forza sufficiente, la costanza, la motivazione necessaria per cambiare.  Molto spesso ci si concentra su quello che non si desidera più invece di concentrarsi  sulla direzione che vogliamo prendere.

Ed ecco che, sul finire dell’anno vecchio spuntano, come fiori in primavera, gli obiettivi per il 2014: il vero veicolo del cambiamento.  Armiamoci dunque di carta e penna, possiamo usare un grande foglio di block-notes, le pagine di un’agenda, oppure disegnare una mappa mentale, o per le più creative, creare un collage con immagini ritagliate dalle riviste che rappresentino ciò che vogliamo raggiungere.

Questo aiuterà molto a visualizzare i risultati. L’importante è che i nostri nuovi obiettivi siano formulati correttamente. Questo significa che devono:

– essere espressi in positivo (es.: “voglio una casa, un lavoro con queste caratteristiche…”).

– avere una scadenza precisa (es.:” a settembre 2014 deve essere tutto pronto per iniziare la mia nuova attività).

– esprimere un risultato (es.: “entro giugno 2014 peserò 55 kg”).

– essere misurabili e verificabili (es.:” scrivere 1 articolo a settimana sul mio blog personale”).

– essere definiti in modo multisensoriale (es.: “ cosa proverò, vedrò,  ascolterò quando avrò raggiunto l’obiettivo?).

– essere sotto la nostra responsabilità. Non devono cioè dipendere da persone o eventi che non possiamo controllare.

– essere “ecologici”. (es.: “che impatto avrà sulla mia vita?” e “conserverò i benefici di cui già godo?”).

Importante! Usa l’immaginazione, sono sicura che noi donne creative la sappiamo usare molto bene. 😉 Pensiamo alla nuova situazione e godiamo delle emozioni positive che essa ci provoca!

Un brillante, emozionante, soddisfacente 2014 a tutte voi!

Anna

Immagine da watculture.com