Quale legame c’è tra DonnaCreativa, lo stile shabby e Benedetta Parodi? Lo shabby è lo stile che amiamo perché ci rappresenta appieno. Questo stile ci “accarezza” e ci coccola, ci aiuta a vivere una dimensione più semplice e più intima nella nostra casa che ci appare come un’accogliente rifugio. La “guru” americana Rachel Ashwell nel suo libro “Shabby Chic” del 1996 dice :” Il comfort, la bellezza dell’imperfezione, il fascino degli oggetti consumati dal tempo, e l’esigenza di una vivere pratico e semplice: questi sono i fondamenti dello stile Shabby Chic”.

apple-dumplings-george-leslie-dunlop

Quel gusto retrò accompagnato dai tenui colori pastello, i vecchi asciugamani di lino, le spighe di lavanda, i mobili di famiglia che ritrovano nuova vita e una nuova collocazione e poi le stoffe naturali, i boutis provenzali, i lampadari a goccia: ogni dettaglio concorre a rendere tutto più luminoso e attraente. Dal mercatino dell’antiquariato a casa nostra, qualunque oggetto che stimola i nostri ricordi d’infanzia o che mostri orgogliosamente strati di vernice sovrapposta  ci accompagna in questo bellissimo processo creativo.

Lo sappiamo bene noi di DonnaCreativa e le simpatiche ed i simpatici amici che frequentano i nostri corsi di Tecnica Shabby: ognuno di noi aspira a rendere la propria casa più confortevole  magari inserendo un piccolo oggetto o mobiletto “di quando eravamo piccoli”  trasformato dalle tenui tinte pastello create nel nostro laboratorio.

Anche i profumi possono essere shabby: quello delle spighe di lavanda e dell’alloro ad esempio, del sapone di marsiglia e delle rose, oppure, perché no, della ciambella della nonna! Anche il palato può essere veicolo di “ricordi” e ci ricollega alla visione di una confortevole cucina dai mille profumi alchemici, con la credenza su cui poggia  in bella vista il servizio bianco di porcellana ed il tavolone su cui poggia l’asse di legno ed il mattarello.

Lo shabby ci invita a gratificarci con piccoli e deliziosi peccati di gola, magari accompagnati da un fumante Darjeeling versato da una teiera a… roselline! E allora, perché non concederci la visione di un programma televisivo condotto dalla “guru” del momento in campo culinario: Benedetta Parodi!

Si chiama “Bake off Italia” e prende ispirazione da un format  britannico dove aspiranti pasticceri si sfidano a colpi di dolci delizie. Primo appuntamento venerdi 29 novembre alle 21.10 su Real Time. L’allestimento dello studio televisivo è interamente shabby  e gli fa da cornice la bellissima villa Arconati di Bollate, meraviglioso esempio del barocchetto lombardo del XVIII secolo.

Immagine: “Apple Dumplings”  di George Dunlop Leslie