Arredare in stile shabby: atmosfere fiabesche che vengono dal passato

Romantico, nostalgico, all’insegna della semplicità, lo stile shabby ci ha conquistato e noi di Donnacreativa ne abbiamo parlato spesso. Perché è uno stile che racconta di ricordi d’infanzia e atmosfere luminose. E poi perché possiamo riprodurlo facilmente nelle nostre case, rinnovando l’arredamento senza sconvolgerlo.

Da quando Rachel Ashwell ne inventò il nome, questo stile “elegante trasandato” domina le tendenze in fatto in arredamento. E anche se qualcuno oggi dice che lo shabby è morto, le case moderne e anche un po’ le nostre vite (sì, perché lo shabby è uno stile di vita!) raccontano il contrario.

Ma quali sono gli accorgimenti da seguire per arredare casa in stile shabby? Dai mobili agli accessori, dai materiali ai colori, ecco qui tutte le dritte.

5-interior-design-shabby-donnacreativa.net

Riciclo e nostalgia, legno e semplicità

Il fascino del vintage domina lo stile shabby, ma attenzione: non si tratta del freddo vintage d’antiquariato o da collezionismo, tutt’altro. I mobili shabby non sono “importanti”, sembrano presi dalla casa dei nonni e il valore che comunicano è soprattutto affettivo. Il tratto distintivo è la finitura: legno naturale dalle superfici decapate, con venature a vista; vernici scrostate; un aspetto vissuto, usurato. Sono tavoli, credenze, mensole su cui lo scorrere del tempo ha lasciato impressa una storia da raccontare. Sono mobili che possiamo recuperare spulciando in soffitta, oppure comprare a poco prezzo in qualche mercatino: più sono semplici, addirittura modesti, meglio creeranno un ambiente shabby.

Anche il riciclo creativo può fare al caso nostro, così materiali destinati a essere buttati acquistano nuova vita. Qualche esempio? I pallet possono trasformarsi in panchine da giardino o in utilissime mensole da cucina (ancora più shabby se le decoriamo attaccando pizzi o merletti ai bordi). Anche le vecchie cassette in legno (quelle della frutta) possono essere verniciate e comporre una scaffalatura o un tavolinetto shabby.

2-interior-design-shabby-donnacreativa.net

Colori: una tavolozza di tinte pastello

Dalle pareti ai mobili, passando per tendaggi e accessori, una casa dallo stile shabby è caratterizzata da colori pastello. Tutto questo contribuisce a rendere gli ambienti più luminosi e ariosi, comunicando freschezza e leggerezza. Ecco perché un consiglio è quello di inserire qualche dettaglio shabby per alleggerire un arredamento troppo antico e cupo.

Via libera allora a tinte come bianco latte, verde menta, glicine o lillà, ma anche tortora e beige, rosa, grigio e celeste chiaro. L’importante è che si tratti di colori tenui, quasi sbiaditi, certamente non accesi: l’atmosfera dev’essere impalpabile, ovattata. Nella scelta di cuscini e tessuti possiamo anche giocare con le fantasie: pois, fiorellini dal sapore romantico, righe o quadratini Vichy.

2-interior-design-shabby-donnacreativa.net

Accessori: pochi dettagli ed è subito shabby

Rinnovare la nostra casa in stile shabby è qualcosa alla portata di tutti, non servono grosse spese né stravolgimenti nell’arredo. Basta una buona dose di creatività. Lo stile “elegante trasandato” che tanto amiamo, infatti, è perfetto per far convivere gli opposti: vintage e moderno, chiaro e scuro, ricercatezza e semplicità si ritrovano in un equilibrio nuovo.

Ci basterà partire da qualche accessorio per dare alla nostra casa un’atmosfera shabby: in cucina, ad esempio, su una mensola in legno decapato possiamo lasciare in vista tazze e porcellane bianche o in tinte pastello, utensili vintage, rustici taglieri in legno accanto a posate d’argento. Anche un semplice porta té può diventare shabby con un orlo di merletto o un ciondolo in legno a cuore.

4-interior-design-shabby-donnacreativa.net

In salotto staranno benissimo vecchi lampadari in vetro o cristallo a gocce, vagamente romantici. E poi lanterne (perfette anche per il giardino, abbinate a vecchie sedie in ferro battuto), portafoto e specchi dalle cornici scrostate. In camera da letto cuscini ricamati, tende di lino e lenzuola a fiorellini; in bagno portabiancheria in vimini chiaro intrecciato.  Perfino una scala, vecchia o magari fatta da te, decapata o verniciata di bianco, può essere appoggiata al muro e diventare un portasciugamani shabby.

Infine, non dimentichiamo i fiori: qualche stelo di lavanda o margherite di campo messe in brocche di latta scrostate sono simboli irrinunciabili dello stile shabby 🙂

Se ami l’arredamento e lo stile shabby impari a decorare con i corsi di Decoro del mobile. Conosci le patine, le ossidazioni e le scrostature al corso di Patine moderne e superfici materiche. Scopri i segreti della lavorazione del legno al corso di Falegnameria pratica e creativa.

Le immagini sono tratte da Pinterest

Salva

Salva