gunnebo.sharperjpgSi sente parlare spesso di stile Gustaviano. Innanzitutto perché  questo stile si chiama così? Gustavo III fu il re di Svezia dal 1771 al 1792. Prima di diventare  re visse a Versailles presso il cugino Luigi XVI e qui ebbe modo di conoscere lo stile Neoclassico di gran moda allora.  Il soggiorno in Francia alla corte reale permise al giovane principe di affinare il gusto per la moda e gli arredi. Al suo ritorno in patria trasformò tutti gli arredi reali seguendo il nuovo gusto e si avvalse anche dell’opera di ebanisti e decoratori francesi trasformando il volto della capitale Stoccolma.

C’era un piccolo problema però e di non poco conto, Gustavo non era ricco come il cugino e  non aveva le risorse economiche per importare rare essenze dalle colonie né di usare ricchi decori in bronzo dorato al mercurio. Per realizzare gli arredi vennero così usati i legni dolci delle foreste svedesi nobilitandoli con lacche opache, le dorature invece furono riservate alle dimore reali e nobiliari.

Il risultato furono arredi molto puliti e lineari, ispirati alla classicità greca e romana, laccati con colori chiari per catturare la rarefatta luce del Nord Europa. Negli arredi Gustaviani inoltre è sempre stata data grande importanza alle sedute, divani e poltrone, a sottolineare l’idea di comfort e di intimità che tanto successo avranno poi nell’800 con il Romanticismo e la borghesia al potere.

Da allora gli arredi Svedesi sono sempre stati connotati da queste caratteristiche e il bianco, l’azzurro, il verde salvia e il rosa in tutte le sue sfumature alle pareti si sposa magnificamente con le stoffe delle sedute anch’esse chiare,  spesso del colore naturale del lino, oppure del cotone stampato a piccoli quadri o righe.

Se a questi elementi unisci la passione per i fiori freschi e la luce soffusa delle candele scopri come ci siano già le basi per quello stile che oggi chiamiamo shabby

Se anche tu vuoi scoprire tutti i segreti dello shabby vieni al corso dal vivo di tecnica shabby di Arte del restauro a Milano in offerta speciale primavera.

Se non puoi partecipare ai corsi dal vivo acquista subito il manuale Shabby facile!

Ti sei già iscritta al videocorso gratuito di tecnica shabby?

Il maestro Carlo

Foto